Aumenti IVA su alberghi e ristoranti e a carico dei consumatori più deboli: proposta 5 Stelle

Aumenti IVA su alberghi e ristoranti e a carico dei consumatori più deboli: proposta 5 Stelle

Il governo giallo-rosso dovrebbe sventare gli aumenti dell’IVA, che scatterebbero dall’anno prossimo per effetto delle clausole di salvaguardia, in larga parte ereditate dai governi PD, in minima parte irrobustiti dal premier Giuseppe Conte verso la fine del 2018 per strappare il via libera della Commissione europea al deficit al 2%. Le aliquote IVA salirebbero dal 22% al 25% quella più alta e dal 10% al 13% quella intermedia, quest’ultima gravante sui generi di prima necessità. Stando alle proposte del Movimento 5 Stelle, ancora da definirsi nei dettagli con i nuovi alleati dem, alcuni aumenti dell’IVA verrebbero fatti scattare, ma non per tutti i settori e nemmeno per tutti i contribuenti. La stangata riguarderebbe i comparti dell’economia a maggiore rischio di evasione fiscale, essenzialmente alberghi e ristoranti, e sarebbe a carico dei consumatori che pagassero in contanti.Funzionerebbe così: i consumatori pagherebbero l’IVA sui servizi relativi ad alberghi e ristoranti non più al 10%, bensì al 23%. Tuttavia, coloro che pagassero con carte di credito o bancomat, cioè in modalità tracciabile, successivamente sarebbero rimborsati dell’aggravio, attraverso un credito d’imposta che andrebbe a scalare l’imposizione fiscale a carico del contribuente. Ai titolari di redditi incapienti verrebbe inviato un rimborso cash. Tutti gli altri, cioè quanti avessero pagato in contanti, dovrebbero sostenere la stangata.Aria di patrimoniale con PD e 5 Stelle alleati di governo? Flessibilità fiscale in cambioFollia dei 5 Stelle sull’IVADire che si tratti di follia sarebbe minimizzare l’idiozia di una simile misura. Anzitutto, colpirebbe gravemente il settore turistico, colonna portante della nostra economia per incidenza sul pil e posti di lavoro creati. E non stiamo parlando di un ritocco all’insù, bensì di più che un raddoppio dell’aliquota IVA applicata. Inoltre, questo avverrebbe ai danni dei consumatori più deboli, cioè quanti fossero sprovvisti di carte di pagamento, poiché non titolari spesso nemmeno di un conto bancario. Parliamo di anziani, giovanissimi, ma anche disoccupati e famiglie con bassi redditi. Oltretutto, perché mai dovrebbe essere punito chi pagasse cash, se ad evadere l’imposta sarebbe eventualmente il fornitore del servizio? Una cosa sarebbe incentivare comportamenti virtuosi, altra fare macelleria sociale contro alcune fasce della popolazione.Ma anche l’ipotesi di rimborsare il cliente “virtuoso” con la restituzione dell’aggravio dell’IVA sarebbe una sciocchezza, in quanto creerebbe comunque un contraccolpo alla liquidità delle famiglie tra il momento in cui sarebbero avvenuti i pagamenti e quello in cui verrebbero rimborsati. Il meccanismo si complicherebbe per i titolari di redditi incapienti, i quali dovrebbero attendere che lo stato accerti l’insufficienza dei loro versamenti fiscali per erogare il rimborso.Non sappiamo quanto valida sia l’ipotesi allo studio dei 5 Stelle, anche perché così com’è si presenta molto impopolare. Il gettito atteso sarebbe nell’ordine dei 4 miliardi di euro, lo 0,2% del pil, nemmeno una cifra considerevole, dato il costo sul piano politico e l’impatto economico a dir poco devastante che la misura sortirebbe. Una cosa ci sentiamo di dirla: l’alleanza tra 5 Stelle e PD sposta a sinistra l’asse politico italiano e libera le catene ai polsi di quanti in questi anni hanno propugnato limiti stringenti all’uso del contante e lotta senza quartiere all’evasione fiscale, anche con l’utilizzo di misure draconiane. La Lega, da tutrice del popolo delle partite IVA, aveva praticamente azzerato tali impulsi con il governo giallo-verde. Ma da oggi è tutta un’altra storia.Lotta al contante? Ecco le 3 condizioni da porre per stanare i “vampiri” dello stato[email protected]  Condividi suSeguici su


Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *