Il bonus vacanze a luglio è stato un flop annunciato, ecco i motivi

Il bonus vacanze a luglio è stato un flop annunciato, ecco i motivi

Il bonus vacanze è diventato efficace a partire dall’1 luglio e i numeri fino a qualche giorno fa sono risultati molto al di sotto delle previsioni del governo. Rispetto alle 5 milioni di persone che si stima possano beneficiare dell’incentivo, appena 720 mila sono stati gli italiani che ne hanno fatto richiesta e di questi appena 71 mila hanno effettivamente utilizzato il voucher. Parliamo dell’1,4% della platea massima potenziale. Certo, luglio non esaurisce il periodo di utilizzo, che copre tutto il secondo semestre del 2020. Tuttavia, difficile credere che il prosieguo dell’estate sia promettente, dato che ancora il 90% di quelli che hanno richiesto e ottenuto il bonus vacanze dovranno utilizzarlo, magari in agosto o nei mesi successivi. Allo stato attuale, gli interessati sarebbero non più del 14-15% dei 5 milioni attesi.Bonus vacanze, tra aumento dei prezzi e ‘truffe’: fallimento annunciato?A cosa è dovuto questo flop? Per prima cosa, non è molto semplice accedervi. Il richiedente deve certificare all’INPS un ISEE inferiore ai 40 mila euro o, in alternativa, dotarsi di un’identità digitale tramite lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o il CIE 3.0 (Carta d’Identità Digitale). Successivamente, dovrà scaricare l’app IO. Il bonus consente di ottenere uno sconto dell’80% presso le strutture che si sono accreditate per riceverlo, mentre il restante 20% sarà detraibile con la dichiarazione dei redditi ai fini IRPEF nel 2021.Gli importi vanno dai 150 euro per un nucleo familiare di una sola persona, salendo a 300 euro per due persone e a 500 euro per 3 o più persone. Chi fa richiesta del bonus può usare anche l’importo spettante al resto del nucleo familiare, pur sempre e solo in un’unica soluzione. Al di là delle difficoltà tecniche per la richiesta, il problema sta a monte, in quanto il bonus si traduce per le strutture ricettive in costi non coperti da liquidità immediata. Infatti, l’albergatore che lo accetta vanterà un credito d’imposta nei confronti dello stato per lo stesso importo, ma i tempi della compensazione non risultano chiari.Funzionerà più a Natale?E dopo mesi di “lockdown” e una riapertura con tassi di occupazione delle camere nell’ordine del 20-40%, a causa dell’assenza dei turisti stranieri, sono in pochi a potersi permettere il lusso di offrire un servizio per incassare la liquidità dopo chissà quanti mesi. I piccoli vi stanno rinunciando e si calcola che appena una struttura su dieci stia aderendo, anche perché il governo ha voluto escludere dall’incentivo le piattaforme online straniere come Airbnb, quelle che portano il grosso del traffico delle prenotazioni su internet. Fatto sta che l’insieme di queste cause sta provocando il flop del bonus vacanze, il cui obiettivo consiste nel dare sollievo a un settore estremamente colpito dalla pandemia per il tramite del crollo della mobilità internazionale e la crisi dei redditi.Il bonus vacanze rischia l’insuccesso e rappresenta tutto ciò che non va in ItaliaFummo facili profeti quando ne prevedemmo il fallimento non più tardi di poche settimane fa. Pensare di sostenere il turismo con un bonus per famiglie, mentre molte di queste si sono viste costrette a sospendere il pagamento dei mutui e a rinviare ogni spesa non strettamente necessaria, sembrava già un’operazione velleitaria. Non puoi aiutare nessun comparto dell’economia, se nel frattempo usi toni allarmanti sul Coronavirus, paventando nuove restrizioni o inviando i militari in spiaggia ad effettuare i controlli. Poiché in molti temono una seconda ondata dei contagi in autunno, con tutto quel che ne conseguirebbe per le proprie tasche, probabile che il bonus vacanze sia stato richiesto e in misura maggiore lo sarà nei prossimi mesi per essere sfruttato dopo che si verificherà il (si spera) mancato ritorno ai tristi numeri di questa primavera. Se così è, il Natale porterà qualche dono in più al nostro turismo. Più che altro, a quel che ne resterà.[email protected] 


Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!