Connect with us

First news in World

Lira turca al collasso, crollata del 15% stamattina e la riapertura dei mercati mette panico ad Ankara

Lira turca al collasso, crollata del 15% stamattina e la riapertura dei mercati mette panico ad Ankara

NOTIZIE FINANZIARIE

Lira turca al collasso, crollata del 15% stamattina e la riapertura dei mercati mette panico ad Ankara

“Il governo si atterrà al libero mercato e al tasso di cambio libero. E la politica fiscale sosterrà quella monetaria nella lotta all’inflazione”. Sono le parole del ministro dell’Economia, Lufti Elvan, pronunciate qualche ora fa, nel bel mezzo del tracollo della lira turca sui mercati. La valuta emergente è arrivata a perdere nella tarda serata di ieri fino al 17%, collassando a un minimo di 8,38 contro il dollaro. Venerdì scorso, aveva chiuso a un tasso di cambio di 7,22. Mentre scriviamo, perde l’8,44% a oltre 7,82.Venerdì sera, a mercati chiusi, il presidente Erdogan non ha trovato di meglio che emanare un ennesimo decreto di nomina del nuovo governatore della banca centrale. Naci Agbal è stato rimpiazzato dopo appena quattro mesi e mezzo di mandato da Sahap Kavgioglu, uno sconosciuto prof di diritto bancario e redattore di un quotidiano islamista, già deputato di Akp, il partito di governo. Non c’è stata alcuna spiegazione ufficiale dell’atto, ma è scontato che sia avvenuto in conseguenza del terzo rialzo dei tassi avvenuto sotto Agbal giovedì scorso, quando il costo del denaro è stato portato dal 17% al 19% per contrastare la corsa dell’inflazione e il ritorno all’indebolimento del cambio.Erdogan ha seppellito qualsivoglia speranza tra gli investitori circa la conduzione di una politica monetaria appropriata. Quello appena insediatosi è il quarto governatore in poco più di un anno e mezzo. Il presidente conferma senza più alcuna ombra di dubbio di non tollerare alcuna politica dei tassi alti, quali che siano le condizioni macro. A febbraio, l’inflazione era salita al 15,6% e per questo l’ormai ex governatore si era visto costretto ad intervenire per frenare il boom dei prezzi al consumo.Erdogan licenzia l’ennesimo governatore in pochi mesi, Turchia a rischio collasso finanziarioFinito l’ottimismo sui mercatiErdogan crede, però, che siano i tassi alti a foraggiare l’inflazione, scoraggiando gli investimenti e, quindi, riducendo l’offerta futura di beni e servizi. Una teoria, che contrasta con tutte le evidenze empiriche e gli studi economici di questi decenni. Dietro alla convinzione ideologica, tuttavia, si cela la necessità per il presidente di non indispettire il settore delle costruzioni, dal quale ha sempre attinto abbondantemente sul piano elettorale.Nel corso del 2020, la banca centrale era dovuta intervenire a sostegno della lira turca con 100 miliardi di dollari delle riserve valutarie. Nei pochi mesi successivi alla nomina di Agbal, per contro i capitali nel paese erano tornati ad affluire, con 4,7 miliardi di dollari di acquisti netti di azioni e obbligazioni. E il tasso di cambio era arrivato a rafforzarsi del 20% tra novembre e febbraio, facendo della lira la valuta emergente regina del “carry trade”. Adesso, la fase dell’ottimismo sembra definitivamente alle spalle. Il crollo di queste ore è il peggiore in un’unica seduta dall’agosto del 2018, anno in cui si registrò la grave crisi finanziaria turca, nel corso della quale la lira arrivò a collassare del 45% contro il dollaro.La Turchia torna ad alzare i tassi contro l’alta inflazione: lira e bond in ripresa Lo spettro di una nuova crisi finanziariaProbabile che adesso tenti di riportarsi al minimo storico toccato nel novembre scorso di 8,52 contro il dollaro. E quasi certamente il “sell-off” contagerà il mercato obbligazionario sovrano, quando già i rendimenti a 10 anni si attestano al 14,10% e quelli a 2 anni al 16,36%. La sfiducia dei mercati finanziari verso Ankara sarà difficilmente contenibile nelle prossime settimane. Con le dimissioni di Berat Albayrak, genero del presidente, da ministro dell’Economia a novembre, si era ipotizzato un cambio di linea da parte dell’esecutivo per ragioni di necessità. Invece, neppure dinnanzi all’evidenza la politica turca cambia passo.Il paese rischia di avvitarsi in una spirale negativa tra inflazione-crollo del cambio-inflazione. Anziché tendere al target di medio termine del 5%, infatti, la crescita dei prezzi al consumo non farebbe che accelerare nei prossimi mesi, risentendo del maggiore costo dei beni importati, tra cui i prodotti energetici, conseguenza di una lira più debole contro le altre valute. E la banca centrale non reagirà alzando i tassi, bensì attraverso misure non convenzionali, le stesse a cui abbiamo assistito sotto il predecessore di Agbal, Murat Uysal. Provvedimenti che non solo non frenano l’inflazione, ma che finiscono per distorcere il mercato e a indisporre gli investitori, specialmente stranieri. La Turchia galoppa verso una nuova crisi finanziaria.Come ha fatto la lira turca a perdere l’80% in 10 anni e come andrà nel 2021?[email protected] 


Source link

Continue Reading
You may also like...

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in NOTIZIE FINANZIARIE

To Top
error: Content is protected !!